Archive for maggio, 2011
Presentazione del libro ‘I servizi pubblici locali tra riforma e referendum’
Martedì 7 giugno ore 17,30, presso il Caffè letterario Giubbe Rosse di Firenze [a Piazza della Repubblica, 13] avrà luogo la presentazione del libro I servizi pubblici locali tra riforma e referendum, scritti di Claudio De Vincenti e Adriana Vigneri. Ne discuteranno insieme all’Autore Gaia Checcucci, segretario Autorità di Bacino del Fiume Arno e Alfredo De Girolamo, presidente Confservizi Cispel Toscana. Presentazione_7 giugno 11...
La Cultura nella Giornata Mondiale dell’Acqua
La gestione dell’acqua in Italia ha lontane e straordinarie radici culturali: le tecniche di drenaggio e di bonifica degli Etruschi (es. la Cloaca Massima costruita nel VI° secolo a.C. e tuttora funzionante), gli acquedotti e i bagni pubblici dei Romani, la nascita e lo sviluppo di Venezia sulle acque di una laguna. Ritrovare il rispetto e la giusta considerazione del ruolo dell’acqua nella nostra cultura, storia, ambiente naturale ed economia è l’unica strada per comprenderne il valore e gestire meglio e in modo partecipato il sistema idrico. La cultura è definita dalla Dichiarazione universale dell’UNESCO sulla diversità culturale, come “l’insieme...
Accordo internazionale per un nuovo ruolo dei fiumi nello sviluppo socio-economico
In occasione della Conferenza Internazionale sull’Acqua in Montagna tenutasi a Megève (Francia) dal 22 al 24 settembre 2010, il SEMIDE (Sistema Euro-Mediterraneo per l’Informazione e i Dati sull’Acqua) e il RIOB (Rete Internazionale delle Organizzazioni di Bacino Idrografico) hanno firmato un accordo di collaborazione con AQUAMADRE, la Rete internazionale per un nuovo sviluppo socio-economico dei fiumi. SEMIDE e RIOB hanno già collaborato per diversi anni sul tema  della gestione integrata delle risorse idriche a livello di bacino, in particolare attraverso il RIOB Mediterraneo. Questo accordo consentirà il coinvolgimento di tutte le parti interessate al di là degli esperti, delle utility...
L’economia dell’acqua: il valore delle acque europee
La Direttiva Quadro dell’Acqua dell’Unione europea – 2000/60/CE – introduce per tutti gli Stati Membri i principi e metodi di un’economia volta alla gestione dell’acqua in Europa. L’economia dell’acqua viene per la prima volta esplicitamente introdotta come approccio alla gestione sostenibile delle acque. Una delle innovazioni fondamentali della direttiva è la sua richiesta esplicita e vincolante di un costo che rifletta pienamente i conti economici economici dei diversi servizi dell’acqua – quali l’approvvigionamento di acqua potabile, l’irrigazione per l’agricoltura, le dighe per l’energia idroelettrica, i depuratori delle acque reflue e gli impianti di trattamento. Secondo la Direttiva, i costi fanno...
La Direttiva Quadro sull’Acqua dell’Unione Europea
L’Unione europea ha definito il quadro comunitario per la protezione e la gestione dell’acqua nel 2000. Ogni Stato membro deve identificare e analizzare lo stato delle acque, classificate per bacino e per distretto idrografico di appartenenza. Successivamente, ogni paese definisce e adotta i piani di gestione e programmi di misure adattati a ciascun corpo idrico. La direttiva quadro persegue molteplici obiettivi, quali la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento, la promozione di un uso sostenibile dell’acqua, la protezione dell’ambiente, il miglioramento delle condizioni degli ecosistemi acquatici e la mitigazione degli effetti delle inondazioni e della siccità. Il suo obiettivo ultimo è...
Le societa miste per la gestione dei servizi locali
Per società “miste” s’intendono, in generale, quelle con presenza nel capitale sociale sia di soggetti pubblici che di soggetti privati. Il fenomeno è assai diffuso nel nostro Paese tanto negli ambiti  statali e regionali quanto nell’area degli enti locali. Le società “miste” sono state “legittimate” anche per la gestione dei servizi pubblici locali con la legge 8 giugno 1990 n°142 che prevede, dopo la forma di gestione in economia, a mezzo di azienda speciale e della istituzione, la società per azioni a prevalente capitale pubblico locale qualora si renda opportuno in relazione alla natura del servizio da erogare, la partecipazione...
Governo e Regioni per il trasporto pubblico locale
Negli ultimi anni il settore del Trasporto Pubblico Locale ha conosciuto un intenso periodo di produzione normativa, con leggi, decreti, regolamenti rivolti più a sconfessarsi l’un l’altro che a disegnare un quadro chiaro e definitivo all’interno del quale rilanciare un settore ormai stabilmente in territorio di crisi. L’Isfort – Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti mette in evidenza il fatto che la Conferenza delle Regioni ha chiesto al Governo di far fronte agli impegni sottoscritti con l’Accordo fra Governo e Regioni del dicembre 2010: 1. Maggior finanziamento del Trasporto Pubblico Locale per l’anno 2011 per 75 ml...
Referendum, Mazzitti e Confindustria: basta al partito dell’acqua.
Se passa il Si vince la casta dell’acqua e il partito del “tassa e spendi” Pescara, 28 maggio 2011 – “Il Comitato per il NO ai referendum nasce per impedire che i cittadini italiani siano privati di un essenziale processo di riforma e ammodernamento della gestione idrica. L’acqua è un bene pubblico inalienabile e la sua gestione diviene un tema strategico e vitale per il futuro del Paese. Il processo di industrializzazione delle reti idriche non può essere fermato. In Italia nei prossimi anni occorrono 100 miliardi di euro per modernizzare il Paese nei settori coinvolti dall’abrogazione dell’art. 23 bis –...
Referendum: Acqua; Partito da Toscana Tour Comitato del NO
FIRENZE, 27 MAG – Invito ad astensione come ‘scelta utile per salvare la riforma’ (ANSA) Parte oggi dalla Toscana, per attraversare le principali citta’ da Milano a Palermo, il tour elettorale del Comitato del No ai referendum sui servizi pubblici locali e tariffa dell’acqua. A presentarlo a Firenze il presidente del Comitato Walter Mazzitti, che ha ribadito l’impegno ad informare i cittadini sui quesiti referendari e ha sottolineato che ‘l’astensione’ e’ la scelta ‘utile per salvare una fondamentale riforma di liberalizzazione del Paese’. ‘Il nostro viaggio comincia dalla Toscana – ha spiegato Mazzitti – perche’ qui gia’ esiste un modello...
Acqua: Comitato NO, astensione unica scelta utile per salvare la riforma
Parte dalla Toscana il tour elettorale per NO a referendum Firenze, 27 mag. – (Adnkronos) – “Abbiamo scelto la Toscana per iniziare il nostro viaggio in Italia, attraverso il quale vogliamo informare i cittadini dai rischi che si annidano nella sfida referendaria. Il perche’ e’ semplice: qui gia’ esiste un modello virtuoso di societa’ mista pubblico/privata di gestione dei servizi idrici che sta garantendo qualita’ gestionale, investimenti ingenti e un’etica imprenditoriale che ha spazzato via le logiche clientelari della casta dell’acqua”. Lo ha affermato il Presidente del Comitato Nazionale per il No ai referendum sui servizi pubblici locali e tariffa...
1 2 3 4 >