Governo e Regioni per il trasporto pubblico locale

Negli ultimi anni il settore del Trasporto Pubblico Locale ha conosciuto un intenso periodo di produzione normativa, con leggi, decreti, regolamenti rivolti più a sconfessarsi l’un l’altro che a disegnare un quadro chiaro e definitivo all’interno del quale rilanciare un settore ormai stabilmente

in territorio di crisi. L’Isfort – Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti mette in evidenza il fatto che la Conferenza delle Regioni ha chiesto al Governo di far fronte agli impegni sottoscritti con l’Accordo fra Governo e Regioni del dicembre 2010:

1. Maggior finanziamento del Trasporto Pubblico Locale per l’anno 2011 per 75 ml in aggiunta ai 425 ml previsti dalla legge di stabilità;

2. Reintegro dei fondi per 400 ml per il 2011 per esigenze di trasporto pubblico locale a fronte del completo adempimento da parte delle regioni dell’Accordo del febbraio 2009 in materia di fondo sociale europeo;

3. Esclusione dal patto si stabilità delle spese per il finanziamento del trasporto pubblico locale (425 ml legge di stabilità + 75 ml da stanziare + 400 ml reintegro dei fondi per trasporto pubblico locale per adempimento Accordo febbraio 2009) e delle spese finanziate con il Fondo nazionale politiche sociali (200 ml).

 

Il lungo percorso della riforma del trasporto pubblico locale


No comments