Referendum, Mazzitti e Confindustria: basta al partito dell’acqua.

Se passa il Si vince la casta dell’acqua e il partito del “tassa e spendi”

Pescara, 28 maggio 2011 – “Il Comitato per il NO ai referendum nasce per impedire che i cittadini italiani siano privati di un essenziale processo di riforma e ammodernamento della gestione idrica. L’acqua è un bene pubblico inalienabile e la sua gestione diviene un tema strategico e vitale per il futuro del Paese. Il processo di industrializzazione delle reti idriche non può essere fermato. In Italia nei prossimi anni occorrono 100 miliardi di euro per modernizzare il Paese nei settori coinvolti dall’abrogazione dell’art. 23 bis – acqua, rifiuti e trasporti -, risorse che tra l’altro lo Stato non ha. Bloccare questo processo imporrà solo l’aumento delle tasse ai cittadini, con maggiore incidenza proprio sulle fasce più deboli della società, senza migliorare la qualità delle risorse e del servizio. La rete italiana perde fino al 60% delle risorse idriche, per ammodernarla occorre favorire l’ingresso di soggetti privati di adeguate dimensioni finanziarie e manageriali. Con la vittoria dei Si la gestione sarà affidata nuovamente nelle mani delle caste della politica locale sempre intenta spendere risorse pubbliche per prebende, consulenze e assunzioni. Si gioca, dunque, una partita decisiva per il futuro dell’Italia. Il Comitato si oppone alle forze conservatrici del Paese, sostiene la libera concorrenza in un mercato regolato e la nascita tra i cittadini di una seria cultura dell’acqua.”

Questo il commento del Presidente del Comitato Nazionale per il NO, l’avvocato Walter Mazzitti durante la conferenza stampata svoltasi questa mattina al Porto Turistico di Pescara, dove sono intervenuti anche i quattro  presidenti provinciali della Confindustria della Regione Abruzzo (Enrico Marramiero, Presidente Confindustria Pescara, Paolo Primavera, Presidente Confindustria Chieti, Salvatore Di Paolo, Presidente Confindustria Teramo, Fabio Spinosa, Presidente Confindustria L’Aquila).

 

No comments