In Evidenza
Referendum, Comitato NO: Acqua entrata nel cuore degli Italiani. Ma l’informazione è stata falsata.
Adnkronos – Roma, 13 giu. – “Al termine di questa campagna referendaria, ormai conclusa con il raggiungimento del quorum, esprimo ampia soddisfazione perche’ il tema dell’acqua, e’, in ogni caso, entrato nel cuore degli italiani”. E’ quanto afferma Walter Mazzitti, Presidente del Comitato Nazionale per il NO ai referendum sui servizi pubblici locali e tariffa dell’Acqua. “Analizzando il voto va purtroppo rilevato – e di cio’ sono seriamente rammaricato – come i cittadini non siano stati correttamente informati sui reali contenuti del primo quesito. Abbiamo avuto spazi limitati per spiegare che il primo quesito non riguardava la ”privatizzazione dell’acqua”, bensi’...
Comitato per il no: «Il referendum sull’acqua solo una questione ideologica»
  MILANO – La critica alla tv: «Danni irreparabili causati dagli spot» «Il furore ideologico sull’acqua parte da lontano. Dai ragazzi che nel 1996-1998 si sono occupati del Contratto sull’acqua». L’avvocato Walter Mazzitti, presidente del Comitato per il no ai referendum sui servizi pubblici locali e le tariffe sull’acqua , avanza la sua ricostruzione per spiegare l’improvviso – per alcuni – scontro sull’acqua che ha portato ai due referendum attuali. «I referendari sono ideologicamente condizionati da chi, già a quei tempi, era ossessionato dall’ingresso dei privati nella gestione dell’acqua», spiega Mazzitti a Corriere.it. «Su molte questioni, poi, siamo d’accordo anche...
Referendum: Mazzitti, Rai falsa informazione, denuncia a Agcom
(ANSA) – ROMA, 9 GIU – ‘L’attivita’ di informazione radiotelevisiva costituisce secondo la legge un servizio di interesse generale che deve garantire obiettivita’, completezza, lealta’ e imparzialita’ dell’informazione. Ma la Rai, evidentemente, non riesce a garantire questi principi’. E’ l’atto di accusa di Walter Mazzitti, presidente del Comitato Nazionale per il No ai referendum sui servizi pubblici locali e tariffa dell’acqua, che annuncia una nuova segnalazione all’Autorita’ per le garanzie nelle Comunicazioni. ‘Nonostante la denuncia fatta ieri all’Agcom – afferma Mazzitti in una nota – ancora questa mattina nella trasmissione Unomattina il quesito numero uno e’ stato rappresentato come il...
Adnkronos – Referendum, Mazzitti: Rai falsa campagna informazione
Roma, 08 GIU – “La Rai sul quesito numero uno ha totalmente mancato al suo compito di servizio pubblico. Il nostro Comitato e’ nato appositamente per difendere la liberalizzazione dei servizi pubblici locali e per questo oggi ho presentato una denuncia esposto all’Agcom. I mezzi di telecomunicazione pubblici hanno costantemente riferito il quesito n. 1 al solo affidamento del servizio idrico, trascurando che l’art. 23 bis, sulla cui abrogazione e’ chiamato ad esprimersi l’elettorato, presenta un ambito assai piu’ esteso, regolando, in generale, i servizi pubblici locali di rilevanza economica, tra i quali figura anche quello relativo al servizio idrico...
Il Secolo XIX intervista il Presidente del Comitato per il NO
Genova – Walter Mazzitti è il Presidente del Comitato per il “no”. Esperto in politiche dell’acqua, ha elaborato l’attuale sistema tariffario. Perché votare “no”? “Con il “si” si vieterebbe la liberalizzazione anche dei servizi pubblici come il trasporto e i rifiuti. Il quesito ha radice ideologica.” … segue Leggi l’Intervista  ...
Il trasporto pubblico locale e l’inquinamento pericoloso per i cittadini
La mancanza di investimenti nel trasporto pubblico locale causa inquinamento e pericolo per la salute dei cittadini. La Commissione europea procede contro l’Italia per la mancata osservanza delle norme UE di qualità dell’aria relative a un pericoloso inquinante atmosferico, il particolato fine. Queste particelle, contenute principalmente nelle emissioni dell’industria, del traffico – e dunque dei mezzi di trasporto urbano – e degli impianti di riscaldamento domestico, possono causare asma, problemi cardiovascolari, tumore ai polmoni e morte prematura. Un secondo e ultimo avvertimento scritto è stato inviato all’Italia nel 2010 per aver superato i valori limite del particolato fine in numerose...
Help Consumatori intervista il Presidente del Comitato
SOCIETA’. Referendum acqua: le ragioni del no 06/06/2011 – 16:54 Perché dite no al quesito referendario sull’acqua pubblica? Per cercare di impedire l’abrogazione della legge, la riforma introdotta dall’articolo 23 bis, il che significherebbe perdere una grandissima occasione dal punto di vista economico e dell’ammodernamento dei servizi per il cittadino utente. Non parliamo infatti solo di acqua, e l’informazione è stata poco attenta: il primo quesito non riguarda solo ed esclusivamente l’acqua ma anche altri servizi pubblici locali come il ciclo dei rifiuti e il trasporto pubblico locale. Sono tre servizi fondamentali per il cittadino utente e fanno parte di...
La Stampa – Il dibattito sull’acqua
Torino – Walter Mazzitti è presidente del sistema euromediterraneo per l’informazione sulla gestione dell’acqua. E ora anche ai vertici del Comitato per il NO ai referendum su questa materia. Che cosa contestate ai due quesiti referendari sull’acqua?  … Intervista La Stampa...
L’Adige intervista l’Avv. Walter Mazzitti
Trento – Comitato per il no – La legge lascia il 60% delle società in mano al pubblico “È una liberalizzazione” “Il quesito numero 1 non riguarda solo le modalità di affidamento dei servizi idrici ma anche del trasporto pubblico locale e del ciclo dei rifiuti. Sinora l’informazione non ha sufficentemente chiarito la portata del quesito referendario”. Lo sottolinea subito l’avvocato Walter Mazzitti presidente del Comitato per il no ai referendum sui servizi pubblici locali e la tariffa sull’acqua. “L’art. 23 bis avvia un processo di liberalizzazione e apertura al mercato, facendo partecipare società private attraverso la cessione del 40%...
Affidamento ai soggetti pubblici del Servizio di Gestione Integrata dei rifiuti urbani
L’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici – AVCP ha concluso il 26 gennaio scorso l’indagine sulla conformità alla normativa delle gestioni del servizio integrato dei rifiuti tramite procedure di affidamento in house e a società miste da parte degli enti locali. Dei 28 contratti esaminati 10 dovranno essere riaffidati con procedura ad evidenza pubblica perché hanno violato la normativa in materia di Servizi pubblici locali di rilevanza economica. Da tale indagine era emerso che su 136 gestioni comunali dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti, ben 81 (pari a quasi il 60%) erano state affidate direttamente senza procedura ad evidenza...
1 2 3 4 >

Appuntamenti

agosto 2017
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
31 luglio 2017 1 agosto 2017 2 agosto 2017 3 agosto 2017 4 agosto 2017 5 agosto 2017 6 agosto 2017
7 agosto 2017 8 agosto 2017 9 agosto 2017 10 agosto 2017 11 agosto 2017 12 agosto 2017 13 agosto 2017
14 agosto 2017 15 agosto 2017 16 agosto 2017 17 agosto 2017 18 agosto 2017 19 agosto 2017 20 agosto 2017
21 agosto 2017 22 agosto 2017 23 agosto 2017 24 agosto 2017 25 agosto 2017 26 agosto 2017 27 agosto 2017
28 agosto 2017 29 agosto 2017 30 agosto 2017 31 agosto 2017 1 settembre 2017 2 settembre 2017 3 settembre 2017